Riprese Day 2

Prima parte:

Fanfare e trombe! Il nuovo giorno di riprese è arrivato… e le trombe c’erano davvero.
Che senso avrebbe fare una scena esterna in pace e tranquillità? Che noia!
Abbiamo pensato bene di girare nella strada tra oratorio e cimitero di Turbigo pochi minuti prima che iniziasse la cerimonia del 25 aprile. Cerimonia avvenuta di fronte al troppo vicino monumento dedicato ai caduti delle guerre.
Ovviamente ne eravamo del tutto ignari, ma non è certo questo che fermerà un anti-eroe, giusto?
Il divertimento non è stato tanto quello di riempire di scotch un iPod Touch (servivano dei riferimenti per “appiccicare” in post-produzione il filmato che avrebbe dovuto riprodurre) o prendere a calci il cancello di ingresso all’oratorio stando sotto alla videocamera di sorveglianza del comune, quanto quello di far sloggiare la gente che provava a parcheggiare la macchina proprio dove Dario doveva passare o sostare.
E pensare che un anziano autista, tentando un parcheggio proprio sulla traiettoria dell’inquadratura, È stato avvertito da Dario di non fermarsi proprio lì. L’uomo ha ingranato la retro ed è fuggito via a tavoletta. Non so se fosse stata più convincente – o temibile, vedete voi – la spada laser appesa al fianco di Dario o la sua barbetta incolta da vero macho-man.
Qui si è verificato il primo tentativo di insubordinazione tra attore principale e operatore ai danni del regista (promemoria: ricordarsi di tenere d”occhio quei mascalzoni), mentre Dario tentava alcune performance di risposta-al-cellulare-con-balletto-tamarro-style.
Un grazie inoltre a chi ieri sera ha organizzato una festa nel salone dell’oratorio, dove abbiamo girato la prima parte di una scena d’azione, che ha avuto la premura di lasciare lì sui tavoli una buona scorta di patatine e salatini sui quali abbiamo indugiato con piacere. Un piccolo appunto: la prossima volta lasciate anche qualcosa da bere, perchè molto furbescamente ci siamo saziati di salato senza tenere conto del clima abbastanza caldino.

Seconda parte:

Più tardi, nel primo pomeriggio, abbiamo organizzato la seconda serie di riprese: quelle dello “sporco lavoro” in zona Arbusta.
Poteva mancare l’evento sportivo della giornata? No, ovviamente: strade bloccate a singhiozzo a causa di una corsa ciclistica.
Arrivati sul luogo delle riprese – sì, lo so che si chiama location, ma mi piace di più il termine in italiano – ha fatto la sua prima comparsa Veronica, ad oggi la nostra prima fan e professionista del ciak oltre che fotografa ufficiale.
Se un inquilino di un palazzo qualsiasi nei dintorni del parco si fosse affacciato alla finestra, avrebbe visto una manciata di “giovani vandali” spargere senza ritegno della spazzatura sul prato.
Dario ha dato il meglio di sé, entrando perfettamente nella parte e regalandoci alcune chicche di improvvisazione davvero niente male. Giornata piena, ma molto soddisfacente.
P.S. La spazzatura È stata poi raccolta ovviamente… volevamo aiutarlo, davvero, ma Dario era così bravo a raccoglierla à la Travis Touchdown che ci sarebbe dispiaciuto interromperlo durante la sua performance. (Già, a spargere son bravi tutti, eh? Dario dixit)