Le esplorazioni di uno qualunque

Ho deciso di narrare le mie avventure in No Man’s Sky come un diario di viaggio che pubblicherò regolarmente sul mio blog dedicato alla fantasia e alla fantascienza.

Blog: Racconti da Terramare

Copertina La pista delle stelle

La categoria alla quale è associato si chiama La pista delle stelle, in omaggio al titolo italiano della collana che ha raccolto in forma romanzata gli episodi della serie classica di Star Trek sul finire degli anni settanta. Il nome mi è sembrato piuttosto evocativo e lo stile anche, perché No Man’s Sky è un’appassionatissima dichiarazione d’amore alla fantascienza popolare dei tempi che furono, con uno sguardo al futuro.

P.S. Per dovere di cronaca, rimando a questo articolo che approfondisce tutto il baccano che si è verificato circa le promesse prima del lancio e le effettive modifiche applicate nel tempo. Poi basta, non ne discuterò mai più, mi godrò semplicemente il viaggio.

Cronache della Galassia

Il gioco si presta perfettamente a questo tipo di narrazione, perché si tratta di un’avventura personalissima, alla quale ciascuno può applicare un approccio differente. Non è necessario interpretare un ruolo, anche se si può fare. Esistono alcuni snodi che portano avanti quella che possiamo definire trama, però non vi è alcuna urgenza; il tempo segue i ritmi dell’universo: lento, costante, indifferente all’irrequietezza umana.

Archeonauta

Il piacere dell’esplorazione e della scoperta è il fulcro dell’esperienza. Si incontrano creature aliene che per forza di cose non parlano la nostra lingua, ma nel peregrinare tra i pianeti ci si può imbattere in speciali totem, utilizzati per insegnare una parola in uno dei complessi linguaggi alieni. Gli stessi viaggiatori e commercianti che si incontrano nella galassia potrebbero essere disposi a condividere qualche vocabolo della propria lingua.

Babel

Diventa quindi facile immaginare una propria avventura, dove il protagonista posso essere proprio io. Le splendide immagini che compaiono su schermo, con tutto il loro bellissimo niente, invitano a farsi domande e fantasticare su molti aspetti, generando di fatto una storia, la mia storia, che un po’ per volta si scopre condivisa con tanti altri viaggiatori.

Un pappagallo galattico

Chiunque volesse fare semplicemente un tour fotografico, è li benvenuto nella mia galleria di Google Foto.